UNA MELA AL GIORNO… SOLO SE BIOLOGICA! #SeguilestagioniOttobre

20161001_133759

Solo chi ha la fortuna di poter assaporare i prodotti della campagna riesce a comprendere fino in fondo quanto i cibi della grande distribuzione siano falsati, adulterati, trattati e quanto occorra prestare attenzione quando si acquista nei supermercati o nei discount.

Fragole d’inverno, zucchine tutto l’anno, pomodori che sanno di antibiotici, olio colorato, verdure piene zeppe di pesticidi, mele tutte della stessa grandezza, lucidate con prodotti chimici e che, fateci caso, pur essendo infarcite di conservanti, marciscono in tutta fretta…

Ecco, tutto questo è da evitare come la peste, se si vuole evitare di avvelenarsi giorno dopo giorno con mille sostanze tossiche i cui effetti dannosi a lungo andare possono determinare problemi seri alla salute e all’ambiente.

# Seguilestagioni

Io già da anni ho adottato alcuni accorgimenti, il primo dei quelli è quello più ovvio di non acquistare nulla che non sia di stagione.

Preferisco, se è il caso, comprare meno, ma di qualità, tutto biologico o a chilometri zero.

Con i miei fratelli abbiamo la fortuna di avere una piccola casa in Sabina, dotata però un ettaro circa di terreno in cui produciamo un olio extra vergine di oliva eccellente, per il nostro consumo familiare e, quando la produzione è maggiore, per i nostri amici, soprattutto quelli con bambini.

20161001_170339.jpg

La cosa veramente buona è che anche i nostri vicini confinanti non trattano le olive e quindi siamo certi che l’olio sia privo di veleni al 100%. Poi abbiamo degli alberi di mele, che non essendo trattati un anno producono tantissimo e un anno quasi per niente! Però le mele sono sode, scrocchiarelle, lucide naturalmente, gustosissime e conservate in un ambiente fresco durano anche 6 mesi, senza rovinarsi!
Con le ciliegie e le prugne mia madre produce tantissime marmellate che durano tutto l’inverno, mentre in primavera e in estate riusciamo a mangiare qualche altro prodotto dell’orto. Per le uova c’è la vicina di terreno, che ha il pollaio più pulito e chic della Sabina…

Le mele…

Lo scorso week end lo abbiamo trascorso arrampicati sugli alberi a raccogliere mele  di diverse qualità, dalle renette, alle annurche, alle mele verdi…

Guardate che meraviglia!

 

Ma non è necessario avere la casa in campagna per cercare di mangiare un po’ più sano; mettetevi d’accordo con amici, andate a fare un giro nella campagna vicino da voi, fate amicizia con i contadini, vedete coltivano o come allevano gli animali… Non comprate pasta di grandi marche che usano farine sbiancate chimicamente! Non comprate le passate di pomodoro, perché è più facile che ad essere tritati siano i pomodori provenienti con i container dalla Cina! Per non parlare di come vengono trattati i polli che finiscono sule nostre tavole: meglio evitare, se non si ha un macellaio di fiducia.

Vi sembrerò eccessiva, ma se ci fate caso, se non si fa un minimo di attenzione , dal primo mattino, con i biscotti industriali all’olio di palma, al latte proveniente dalla Germania, per proseguire con le carni imbottite di antibiotici e il resto di pesticidi e coloranti, introduciamo in continuazione sostanze nocive.

Certo non si può essere talebani al 100%, e l’hot dog da Ikea, o il Mac una volta l’anno ci scappa, soprattutto se hai bambini piccoli!  Quello che conta è lo stile di vita e di alimentazione  nel quotidiano, poi lo strappo alla regola non è la fine del mondo.

Con questi presupposti, come potevo non condividere questo bel progetto proposto da Antonella Manfredi e Anna Marangella, che con ottobre è giunto al sesto appuntamento?

#seguilestagioniOttobre

Ecco la l’elenco dei prodotti di questo mese…

Le mie Mele biologiche!

 

E avendo parlato  delle mie mele campagnole, voglio proporvi questo tutorial molto facile, con il quale potrete realizzare delle mele di stoffa, da tenere in cucina come decorazione, per ricordarvi ogni giorno di mangiar sano e di seguire le stagioni!!!!

Occorrente:

  • Foglio di carta
  • Matita
  • Forbici
  • Stoffe colorate 100% cotone
  • Imbottitura di cotone a fiocchi
  • Pezzo di imbottitura piatta 100%cotone
  • Ago e filo
  • Rametto di legno (preferibilmente di melo!)

 

Procedimento

Disegnate una mela dai contorni semplici sul foglio di carta e aggiungete sulla parte alta tre centimetri.

Disegnate anche due foglie di diversa grandezza e ritagliatele…

Poggiate il cartamodello della mela sul retro della stoffa piegato in due, dritto contro dritto, e disegnate il contorno.

Cucite a punto indietro i lati e il sotto della mela, lasciando aperta tutta la parte sopra.

Ritagliate lasciando mezzo centimetro  e risvoltate …

20160925_180343

Riempite la mela con l’imbottitura.

Realizzate sulla parte alta del tessuto una cucitura a punto filza.

Tirate i due lati del filo fino ad arricciare la stoffa, senza stringere del tutto e chiudere  l’apertura.

Per le foglie sovrapponete  due pezzi di stoffa verde, dritto contro dritto, sotto il rovescio che poggia sul tavolo, un pezzetto di imbottitura piatta.  Avrete quindi tre strati. Sul rovescio di fronte a voi disegnate la foglia  e cucitene i contorni a punto indietro, lasciando aperto il lato dell’attaccatura.

Tagliate la stoffa in eccesso, rigirate e con un ago e filo ripassate i contorni e disegnate una riga al centro della foglia, per imitarne le venature…

Adesso mettete un po’ di colla dentro il centro della mela lasciato aperto e inserite il rametto al quale avete in precedenza attaccato la foglia e uno spago colorato, oppure un nastrino.

Stringete i due lati del filo e chiudete del tutto la mela, mandando in dentro i margini della stoffa.

Fate un nodino al filo, entrate dal centro, attaccati il più possibile al rametto e uscite dal lato opposto, sempre al centro della mela. Rientrate da lì e riuscite vicino al rametto, tirate un pochino per conferire la forma alla mela e appuntare il filo con un nodino, il più nascosto possibile.

Le vostre mele sono pronte e potete appenderle in cucina, usarle come puntaspilli,  oppure metterle in un bel piatto di ceramica…

 

20161001_170146

 

 

20161001_160736_richtonehdr

 

 

 

20161001_160753_richtonehdr

E quando arriva Natale (lo so che è ancora presto per pensarci!), potete appenderle al vostro albero!

Ecco le bravissime blogger che condividono con me questo progetto…

Anna Marangella – Ultimissime dal Forno

 

Antonella Manfredi –  Le Passioni di Antonella

 

Lucia Locatelli – La gallina Rosita

 

Simona Milani – Pensieri e Pasticci

 

Chiara Palombo – GiardiNote 

 

Lisa Verrastro – Lismary’s cottage

 

Enrica Coccola – Coccolatime

 

Sabina sala – Due bionde in cucina

 

Silvia Messina – Vita da Fata Ignorante

 

Susy May – Coscina di pollo

 

Adrialisa – Sento i pollici che prudono 

 

Veronica Effe – S&V a colazione

 

Maria Martino – La mia casa nel vento


Spero che questo articolo vi sia piaciuto. Se volete lasciatemi un commento, mi farà molto piacere leggere il vostro parere…

20161001_134217

Un abbraccio e alla prossima!!!!!

Annunci

2 thoughts on “UNA MELA AL GIORNO… SOLO SE BIOLOGICA! #SeguilestagioniOttobre

I commenti sono chiusi.